PRINCIPIO BRET

BRET si basa sull'energia derivata da una reazione della luciferasi che può essere utilizzata per eccitare una proteina fluorescente se quest'ultima è vicina all'enzima luciferasi. La tecnologia prevede la fusione di molecole donatrici (luciferasi) e accettori (fluorescenti) a proteine ​​di interesse. La co-espressione dei costrutti di fusione nelle cellule viventi consente di studiare la loro interazione in tempo reale in modo quantitativo. L'energia viene trasferita attraverso l'accoppiamento dipolo-dipolo non radiativo dal donatore all'accettore quando si trova in prossimità (tipicamente entro 10 nm), con conseguente emissione di fluorescenza a una lunghezza d'onda specifica. L'energia emessa dall'accettore rispetto a quella emessa dal donatore è denominata segnale BRET. Dipende dalle proprietà spettrali, dal rapporto, dalla distanza e dall'orientamento relativo delle molecole donatrici e accettori, nonché dalla forza e stabilità dell'interazione tra le proteine ​​di interesse.

BRET è molto simile a FRET ma in FRET il donatore è una proteina fluorescente che deve essere eccitata. Poiché BRET non richiede una fonte di luce esterna per eccitare il donatore, ha uno fondo molto basso e non soffre di problemi spesso associati a FRET come l'autofluorescenza, la diffusione della luce o il fotobleaching. Altri vantaggi di BRET sono che si tratta di una tecnologia non radioattiva e omogenea e che il segnale metrico del rapporto riduce al minimo le interferenze dalle condizioni di assay.

METODI BRET

Negli ultimi anni sono stati sviluppati diversi metodi BRET e tutti hanno i loro limiti e vantaggi. Varie coppie di donatori e accettori e le loro lunghezze d'onda corrispondenti possono essere trovate nella tabella seguente:

Metodo

Donatore

Substrato

Emissione del donatore [nm]

Accettore

Emissione accettore [nm]

BRET 1RLucCelenterazina480eYFP530
BRET 2RLuc

Celenterazina 400a (Deep Blue C™)

395GFP510
eBRET 2RLuc8

Celenterazina 400a (Deep Blue C™)

395GFP510
BRET 3FireflyLuciferin565DsRed583
QD-BRETRLuc/RLuc8Celenterazina480QDot605
NanoBRETNanoLuc®Furimazina460HaloTag® Ligand618

 

BRET 1

Il metodo BRET originale che utilizza la celenterazina come substrato è oggi chiamato BRET 1 ed è caratterizzato da segnali forti e lunga durata.

 

BRET 2

Rispetto a BRET 1, BRET2 ha una migliore separazione tra i picchi di emissione del donatore e dell'accettore. Questo rende BRET 2 una scelta migliore per i assays in cui sono richiesti rapporti signal / noise elevati. Una chiara limitazione di BRET 2 è la scarsa emissione di luce e la breve durata.

 

Enhanced BRET 2 (eBRET)

eBRET può avere un segnale fino a 5 volte migliore rispetto alla versione originale BRET 2. eBRET utilizza un nuovo mutante della luciferasi Renilla chiamato Rluc8.

 

BRET 3

La luciferasi Firefly in BRET 3 mostra un'autofluorescenza cellulare inferiore alla lunghezza d'onda di emissione (565 nm) ma gli svantaggi sono segnali deboli e sovrapposizione tra i picchi di emissione del donatore e dell'accettore.

 

QD-BRET

Una nuovissima versione BRET è il Quantum Dot-BRET (QD-BRET). I picchi di emissione sono chiaramente separati, il che rende QD-BRET ideale per le applicazioni di screening. Gli svantaggi sono sia le grandi dimensioni delle molecole QD (1,5 - 6 nm) che l’impossibilità di codifica genetica delle proteine QD. Le proteine QD non possono essere espresse nelle cellule viventi e devono essere aggiunte.

 

NanoBRET™

NanoBRET ™ utilizza una luciferasi molto più luminosa delle luciferasi convenzionali chiamata NanoLuc®. C'è un'ottima separazione tra l'emissione del donatore (460 nm) e l'emissione dell'accettore (618 nm).

APPLICAZIONI BRET

BRET può essere misurato in lettori di micropiastre per studiare le interazioni proteina-proteina, specialmente nel campo della ricerca sui recettori accoppiati a proteine ​​G. La capacità di studiare le interazioni nelle cellule di mammiferi viventi aggira molti dei problemi associati a tecniche come la co-immunoprecipitazione e lo screening dell'due-ibrido del lievito. L'elevata sensibilità di BRET consente lo studio di proteine ​​a concentrazioni fisiologiche, un vantaggio significativo rispetto alle tecniche che richiedono alti livelli di espressione proteica.

Soprattutto nel campo della ricerca sui recettori accoppiati a proteine ​​G, la tecnologia BRET offre l'opportunità di stabilire un assay omogeneo, universale e funzionale. Approfittando del fatto che la ß-arrestina che svolge naturalmente un ruolo nella desensibilizzazione dei recettori; si lega alla parte intracellulare del recettore attivato. I recettori accoppiati a proteine ​​G sono anche indicati come recettori 7-transmembrana (7TM) e comprendono la più grande e diversificata superfamiglia di proteine ​​conosciuta.

Per avere un'idea di quanto siano importanti i GPCR nella scoperta di farmaci:

  • Attualmente circa il 30% dei farmaci è mirato contro i GPCR
  • Solo il 5% dei recettori conosciuti è mirato con farmaci
  • Solo al 20% del resto sono noti i ligandi corrispondenti

NanoBRET™ with the Mithras² Beschreibung

PDF | 395.5 KB

NanoBRET™ with the TriStar² S Promega NanoBRET™ protein:protein interaction system with the TriStar² S Multimode Microplate Reader

PDF | 396.4 KB

Comparison of filter sets for BRET1 using Mithras Comparison of filter sets for BRET1 assays: ß-arrestin2 (ßARR2) recruitment to the vasopressin V2 receptor using the Mithras LB 940 Multimode Microplate Reader

PDF | 187.6 KB

Basic Considerations for BRET Assays with the Mithras Basic Considerations for Bioluminescence Resonance Energy Transfer (BRET) Assays for G-protein coupled receptor protein interactions in living cells

PDF | 322.0 KB

BRET to monitor dynamic receptor-protein interactionswith the Mithras Bioluminescence Resonance Energy Transfer (BRET) as a means of monitoring dynamic receptor-protein interactions in living cells measured on LB 940 Mithras Multimode Microplate Reader

PDF | 403.5 KB

BRET-based studies of receptor dynamics with Mithras Bioluminescence Resonance Energy Transfer (BRET)-based studies of receptor dynamics in living cells with Berthold’s Mithras Multimode Microplate Reader

PDF | 334.9 KB

BRET Assay for 7TM Receptors Using the Mithras A Functional BRET Assay for 7TM Receptors Using the Mithras LB 940 Multimode Plate Reader

PDF | 312.0 KB

LETTORI DI MICROPIASTRE CONSIGLIATI PER BRET

Un lettore di micropiastre o un luminometro in grado di misurare la luminescenza con alta sensibilità utilizzando filtri è la migliore combinazione per BRET; possono essere utilizzati anche lettori con monocromatore, ma con sensibilità ridotta. È necessario eseguire 2 misure a diverse lunghezze d'onda, quindi è necessario un lettore con almeno 2 filtri di emissione (questo non è possibile, ad esempio, nei lettori che utilizzano un singolo filtro a cubo con 1 filtro di eccitazione + 1 filtro di emissione). Tutti i lettori di micropiastre riportati di seguito sono consigliati per BRET.